mercoledì 3 febbraio 2016

“Forse non tutti sanno che a…”
La sempre sorprendente Newton Compton Editori ha in catalogo un serie di libri dedicati alle curiosità e/o comunque a quelle storie poco conosciute che caratterizzano però territori e città del nostro paese. Grazie alla brava Chiara Giacobelli, scrittrice anconetana classe 1983, da novembre 2015 è presente anche il volume dedicato alle Marche. L’autrice già aveva dedicato un altro titolo alla nostra regione nel 2011 con il ben noto “101 cose da fare nelle Marche almeno una vota nella vita” e dunque torna sull’argomento, con la consapevolezza che le cose da fare e raccontare sono molte di più e che, procedendo nella ricerca,  l’orizzonte si allontana e la collezione aumenta.
La piacevole lettura accontenta il lettore di ogni tipologia, le pagine sono ricchissime di storia (ben documentata) ma anche di semplici curiosità, leggende, racconti e descrizioni di luoghi e persone che seppur vicini a noi, che ci troviamo spesso a frequentare i loro stessi paesi e godiamo degli stessi paesaggi che deliziavano o hanno deliziato la loro vista, ci sono distanti nel tempo e nel ricordo. Ben venga l’operazione di Chiara Giacobelli che, oltre a far scoprire le meraviglie del nostro territorio a chi ancora non lo ha scelto come luogo dove passare le vacanze, permette a noi di soffermarci per meglio comprendere e apprezzare ancora meglio quello che abbiamo intorno a noi.
Quali sono le storie d’amore pari a quella di Paolo e Francesca che si sono consumate tragicamente nelle Marche? E chi era mai quello strano personaggio che risponde al nome di Cecco d’Ascoli? Le fate, sempre rappresentate come fanciulle bellissime, come è possibile che avessero piedi di capra? E i siti archeologici dove rintracciare le antiche civiltà picene o quella romana dove sono sparsi nelle Marche? Carlo Urbani può essere considerato un eroe dei nostri tempi? E perché a Treia si ritrova spesso il simbolo della croce celtica irlandese?
Ecco tra passato e presente la passeggiata in compagnia di Chiara Giacobelli in 50 capitoli (ma le tappe effettivamente sono molte di più) dove fermarsi insieme a lei per ascoltarla narrare qualcuna di quelle cose che “forse non tutti sanno che nelle Marche…”
La nostra regione ha molto da raccontare e mostrare e questo libro vi farà sicuramente venire voglia di esserci qua nelle Marche, vorrei usare le parola della stessa Chiara per meglio descrivere il tutto prese proprio dalla sua introduzione al libro (pp 10-11): “Da sempre in Ombra rispetto ad altre regioni italiane, le Marche sono state negli ultimi anni rivalutate e molto promosse sai dai singoli privati - gli imprenditori, gli artigiani, gli artisti ecc - sia dalle istituzioni; oggi stanno acquisendo finalmente un ruolo sempre maggiore nel panorama nazionale e, allo stesso tempo, cresce il fascino che suscitano negli stranieri, soprattutto russi, inglesi e olandesi. Se il mio primo libro d’esordio voleva essere una sorta di guida alternativa per marchigiani e turisti, questo è invece un testo che si pone a un livello leggermente più alto, andando a indagare in profondità e con precisione tematiche culturali, artistiche, ambientali, storiche. Qui dentro troverete pertanto le vicissitudini delle famiglie più celebri del passato, quelle dei personaggi che hanno saputo in qualche modo distinguersi, i luoghi meno noti e gli itinerari più insoliti, i musei da non perdere, come pure opere d’arte di grande valore, seppur non sempre citate dalle guide tradizionali. E’ questo, dunque, un libro adatto a chi non si accontenta di sapere “qualcosina” sulle Marche, ma vuole conoscere da vicino questa incredibile terra, fonte di inesauribile materiale sotto ogni punto di vista”.
Grazie Chiara, non resta che aspettare di essere ancora in tua compagnia per proseguire con altre interessanti scoperte.