mercoledì 26 ottobre 2016







la recensione dell'album "ABUSIVO" sul blog "ultimamentelibera" a cura di Ester Coppola :

Con “Abusivo, Silvano Staffolani, si riconferma il musicista originale cartoline d’autore, fuori dagli schemi. Il cantautore marchigiano riesce, ancora una volta con il suo sound e il suo sarcasmo, mai banale, a sfatare argomenti crudi e scarni. “Abusivo” è senz’altro una finestra sulla vita, analizza attraverso metafore pungenti i vari aspetti del vivere umano e talvolta disumano.
In “Tango del buon senso (evviva il re)” , con la figura del re fa un apparente balzo all’indietro, restando ancorato al presente, focalizzando l’attenzione su una società succube di una massa che tende ad omologarsi ogniqualvolta si ripropone il signorotto di turno che sfoggia il suo egocentrismo e la sua superiorità incontrastata.
Staffolani non tralascia l’amore, ciò che in ogni vita dovrebbe fungere da filo conduttore, ma talvolta viene sovrastato da altri sentimenti . restando saldato ad una visione realistica della vita, riesce pur sempre a farci volare attraverso i sogni e i desideri che travolgono e animano ogni essere umano.

“…il dolore dei poeti non è mai inutile.” (Cit. Gesualdo Bufalino intro “Abusivo”)

http://ultimamentelibera.it/abusivo-silvano-staffolani/