venerdì 1 agosto 2014

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 16) Da quando ti ho dimenticata


DA QUANDO TI HO DIMENTICATA
(testo e musica : Silvano Staffolani)

Se solo tu sapessi quant'è bella la vita
che conduco da quando ti ho dimenticata
Mi sveglio mai alla stessa ora prendo
sempre due caffè mi preparo una spremuta.
Poi chiamo il cane che non mi risponde
il pensiero si confonde ma ricordo l'hai preso tu.
Poi esco saluto il primo che incontro
solo per sentirmi dire che anche questo è un buongiorno.
Non è vero che ti cerco in ogni sguardo,
non è vero che non sono più sincero,
questa la chiamo libertà.
Certo c'è ancora chi mi chiede
che fine mai avrai fatto ch'è tanto che non ti vede.
Dico "sta bene" sono di poche parole
non do troppo confidenza mi comporto con prudenza
ma vorrei tornare indietro sui mie passi
dirgli "fatti i fatti tuoi che in fondo che ti frega?"
Infine meglio è tornare a casa
a suonare il campanello aspettando che tu apra.
E' vero ho paura delle ombre
è vero penso a chi si nasconde
senza avere niente da fare.
Da quando ti ho dimenticata sai c'è una cosa che non ti ho detto mai
non ho mai smesso neanche solo per un istante di pensare a te.



La finzione di vivere in solitudine ed in libertà, 
la finzione di credersi felici e sinceri mentre
si è preda delle paure che ogni ombra genera.
La finzione di credere che si possa 
dimenticare facilmente.
La finzione.

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 15) Se perdre à Paris



SE PERDRE A' PARIS
(testo e musica : Silvano Staffolani)

Souviens-toi une promenade à Montmartre
toi et moi les dessins des visages.
Descendre la butte c'est la surprise
une vigne perdue et l'automne débute.

On se retrouve à dancer a Pigale
c'est la ville lumiere où tout va disparaitre
Dans tes yeux un nuage mais voilà tu me souris
quand je te prends dans me bras.

Ti ricordi, una passeggiata a Montmartre
tu ed io e i disegni dei volti.
Scendere la collina ed ecco la sorpresa
una vigna perduta ed il debutto dell'autunno.
Ci si ritrova a ballare a Pigalle,
è la città delle luci dove tutto sparisce.
Nei tuoi occhi una nuvola ma ecco,
mi sorridi, quando ti prendo tra le mie braccia. 


A Parigi, nel cuore della città, quartiere Montmartre (rue Saint-Vincent / Rue des Saules - metro Lamarck Caulancourt) , ancora sopravvive una antica vigna con circa 2400 piante di vite; ogni anno produce pressapoco 700 bottiglie di "Clos Montmartre", un vino ritenuto non tanto pregiato ma comunque ricercato.Ogni anno nel mese di ottobre per una settimana circa ci sono grandi festeggiamenti per la vendemmia a cui partecipano numerosi residenti nel resistente tentativo di far rivivere un tempo ormai passato. Questo è un omaggio a Parigi e a Montmartre.



...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 14) La Madonnetta


LA MADONNETTA
(testo : Maria Luisa Barbaccia - musica : Silvano Staffolani)

Proprio dapiedi a lo paese quanno ce stava solo poche case
dendro 'na nicchia c'era 'na statuetta che tutti chiamava Madonnetta.
Dietro c'era la cambagna e 'na fratta spinosa 
davanti 'na strada imbrecciata e...polverosa
Tutti li jorni la jende con amore ce mettia le candele e quarghe fiore
con devoziò chi passava su 'lla via se fermava pe' di' 'cche Ave Maria

Co' lo tempo lo paese è cresciuto e pure lo paesaggio edè cambiato,
la Madonetta è immezzo all'ajole sia co' la pioggia che co' lo sole
Pe' ricordà st'immagine venedetta c'è rmasto solo lo nome: Rione Madonnetta
Pe' ricordà st'immagine venedetta c'è rmasto solo lo nome: Rione Madonnetta.
 Ma oggi un cambiamento c'è stato che l'ha riportata a le tradiziò de lo passato
è stata mesta sopra un piedistallo co' 'na bella vetrata de cristallo.

Tutta la jende ha partecipato pe' ottene' 'sto bello risuldato. 
Grazie a Fernando de Malatì e a lo Rione che ha coinvolto un sacco de persone
e finalmente adesso la Madonneta ha rtroato lo posto che je spetta.
e finalmente adesso la Madonneta ha rtroato lo posto che je spetta.
e finalmente adesso la Madonneta ha rtroato lo posto che je spetta...... 

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 13) U confine tra Montefa' e Recanati


U CONFINE TRA MONTEFA' E RECANATI
(testo : Bruno Trillini - musica : Silvano Staffolani)

la storia antica di come si tentarono di stabilire i giusti confini territoriali tra Recanati e Montefano, due paesi confinanti in provincia di Macerata.

Tra Recanati e Montefa’ c’era u confine da sistema’ non pulia troa’ l’accordi se parlava tra du’ surdi !!
Fino a chi !!... sta terra è stada a nostra , non è vero fino a lì!!... riava a vostra !!!
Disse uno de’ u paese : A li tanti de lu mese gimmo a sona’ lu campano’
fin do’ se sente riemmo no’ !!
Guarda un po’ che idea assai curiosa je venuda pe’ gi’ a commeda’ sa’cosa !!!
Montefa’ era contentu : Se ce tira un po’ de ventu ce pijemmo un pezzu novo
e riemmo a Castelnovo !!
Visto ch’è piacuda proprio a tanti è ‘rmasti soddisfatti tutti quanti !!
Ma ’mbruiju’ i recanatesi ha fregado i montefanesi
Una notte ha fatto un truccu ja scambiado lu batoccu !!
E nisciunu ce putia mai pensa’ che sa’ cosa si’diauli gia a fa’ !!!
Cia’ messo ‘na bella lonza, u campana’ a tutta a forza
Non fece sona’ e campane u confine è gidu a puttane !!!
S’era preparadi tutti i contadi’ co’ l’attrezzi pe’ fissa’ u confine li’ !!
I palitti non s’è piantadi Montefa’ tutti’incazzadi :
U confine a Bardolina ce sta’ lì anche stamatina !!!
Cusci’ a Montefa’ ‘rmase ingannadi l’ha venta nantra orda Recanadi !!!

Cià ‘rportada u falegname vemmo raccontada a rime
Che s’un fojio ce l’ha scritta e cosci’ ve l’emmo ditta !!!

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 12) Semo l'anziani de Porto Potenza


SEMO L'ANZIANI DE PORTO POTENZA
(testo : Maria Luisa Barbaccia - musica : Silvano Staffolani)

Semo l'anziani de Porto Poenza e ve volemo fa' 'na confidenza
non ce sendemo vecchi e sfiduciati ma rengraziemo Dio che semo nati.
Emo fadigato e cresciuto li fiji, percià ce s'è sbiangati 'i capiji
la vita c'à 'nzegnato a ave' pazienza e cuscì ch'emo conquistato l'esperienza
E mò potemo vive de ricordi pe' questo non è mai troppo tardi.

Li belli sogni de la giovinezza quanno vastava un bascio e 'na carezza
pe' rembitte lo core d'allegria e la stracchezza se ne java via
Questa se po' chiamà felicità basta solo sapesse condendà!

Semo cresciuti inzieme a 'sto paese 'ndo c'era la cambagna c'è le case
e la chiesa de Sant'Anna tando cara che la jende ce va a prega' matina e sera.
La torre andica che guarda su lo mare co' l'orologio che non batte più l'ore
Qui se passa lo tembo in combagnia e non c'è posto pe' la malingonia.

Visto che semo penzionati volemo vive felici e spenzierati!
Visto che semo penzionati volemo vive felici e spenzierati!
 

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 11) Nel paese d'Ottrano


NEL PAESE D'OTTRANO
(testo : Bruno Trillini - musica : Silvano Staffolani)

Ci sono sette colli e pure le contrade 
e queste nostre valli son fresche di rugiade!
Non mancano i castelli tra i boschi e tra le selve
nitriscono i cavalli nelle verdi riserve
e corrono carrozze sulle strade alberate 
ci vanno a far le nozze le figlie maritate!
A Tornazzano c'era un antico castello
ma il santuario era famoso più di quello.
Montoro e la Marina ci guardano ad oriente
la prima più vicina al mare e..confinante
con Osimo paese più ricco e popoloso
e non passava mese che c'era un contenzioso!
Ci sono poi i rioni di Stimmate e la Torre
rapporti sempre buoni coi Monti non ci scorre
di Storaco la Chiesa che non c'è più il castello
da sopra una distesa di querce con l'ornello!
Nel paese d'Ottrano accrescono i rioni
nei campi tanto grano le case di mattoni.
A lato di San Biagio di Cerqua ecco la rocca
del vino c'era l'agio in botti e nella brocca!
Sant'Angelo lontano verso strada Taverna
che dal Monte d'Ottrano verso il fiume s'interna.
Di lui sentivi solo il senso del mistero
sul colle Casarolo dell'antico maniero.
Cerlongo ci portava co' gli occhi ai Sibillini
e spesso si sentiva il rotolar di tini
E tra queste colline la vita era più agiata
le chiese eran piene di arte assai pregiata!
Il paese d'Ottrano ben presto è una città
vien gente da lontano per stazionare qua!

il monumento ad Ottrano a Filottrano 
(scultura Guido Ricci)
 

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 10) The sun, the clouds


THE SUN, THE CLOUDS
(testo e musica : Silvano Staffolani)


Don't say no
'cause I know it was you
behind that door
I can still recognize
the sound of your steps
the touch of your hands
I see only clouds
but i know the sun is there
I can talk to no one
but I know what I know

Finally you came
so open that drawer
and take all the letters
I never sent
Day by day
line by line
I feel the pain
and never the same
I see only clouds
but i know the sun is there
I can talk to no one
but I know what I know
I don't believe in memories
I don't believe in dreams

That's why I'm just looking for your eyes
and for your smile  


Non negare, lo so che eri tu dietro quella porta.
Posso ancora riconoscere il suono dei tuoi passi 
il tocco delle tue mani.
Vedo solo nuvole ma so che il sole è lì.
Non posso parlare con nessuno ma so quello che so.
Alla fine sei qui e allora apri quel cassetto e prendi 
tutte le lettere che non ho mai spedito.
Giorno dopo giorno, ruga dopo ruga,
sento il dolore e non è mai lo stesso.
Vedo solo nuvole ma so che il sole è lì.
Non posso parlare con nessuno ma so quello che so.
Non credo nei ricordi,
non credo nei sogni,
ecco perché sto solo cercando i tuoi occhi
ed il tuo sorriso.

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 09) Time flies


TIME FLIES
(testo e musica : Silvano Staffolani)


So you like plastic things
you think you live in golden dreams
that's so real you're so real
The bigger become your lips
the longer you live your trips
more appeal want more appeal
Money can buy your time
and a season is just a reason
every mirror is an error
touch your skin like a peach
the reason why you're so rich
that's so real you're so real
Time flies time flies time flies time flies
if only you could say
"I'm having fun"...
Death is far away
for the one wearing new shoes
that's so real you're so real
You think you're so smart
when your life is falling apart
more appeal want more appeal
And you know you're lucky
if you have someone to call
you feel alone with your new phone
And when you realize
you're just a human being
that's one thing to keep in mind.

Time flies time flies time flies time flies
if only you could say
"I'm having fun"...


Dunque ti piacciono le cose di plastica e pensi di vivere sogni dorati
è vero, tu sei così vera. 
Più grandi diventano le tue labbra più a lungo vivi i tuoi viaggi
più fascino, desideri più fascino.
I soldi possono comprare il tuo tempo e la stagione è solo una ragione
tutti gli specchi sono un errore, tocca la tua pelle come pesca,
il motivo per cui sei tanto ricca,
è vero, tu sei così vera.
Il tempo vola, il tempo vola, il tempo vola, il tempo vola
se solo tu potessi dire
"mi sto divertendo" 
La morte è molto distante per chi indossa scarpe nuove
è vero, tu sei così vera. 
Pensi di essere così splendida, mentre la tua vita cade a pezzi
più fascino, vuoi più fascino
e sai di essere fortuna se hai qualcuno da chiamare
ti senti sola con il tuo nuovo cellulare
e quando capisci di essere solamente 
un essere umano
ecco una cosa da tenere a mente
Il tempo vola, il tempo vola, il tempo vola, il tempo vola
se solo tu potessi dire
"mi sto divertendo"

ad uno degli ingressi di Hyde Park di Londra (lato stazione di Queensway) c'è un vecchio orologio al di sotto di cui si legge la scritta "TIME FLIES", un monito ed un promemoria per i visitatori che entrano.

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 08) Margot la folle


MARGOT LA FOLLE
(testo e musica : Silvano Staffolani)

Margot, la folle Margot
di nuovo in strada a far parlare di sé.
Nel ventre nasconde un tesoro
forse un dono d'affetto per la folla che scalpita.
Margot, c'è chi la trascina e chi la invoca
qualcuno ha paura di sentirla tuonare.
Ah...ah...pioverà
Ah...ah...pioverà.
Margot, è già stanca di tutto 
piantata nel bel mezzo di una strada qualunque.
Sa che è pura follia e vorrebbe qualcuno
che la portasse via.
Margot, grassa e rossa 
come un tramonto colore del sangue.
Ah...ah...pioverà
Ah...ah...pioverà
Ma oggi succede così 
chi prima arriva la usa e ne abusa.
Su lei, intorno a lei 
quante mani si affannano indaffarate,
le urla ed i lamenti 
non c'è niente che li possa fermare.
Ah...ah...pioverà
Ah...ah...pioverà
La bocca bacia l'uno poi l'altro
pietà non conosce affatto!
Margot. 
La Dulle Griet (Marguerite l'Enragée o Margot la Folle)

E' una bombarda di 12 tonnellate e di cinque metri di lunghezza in metallo forgiata all'époque bourguignonne (forgiata a Gand in Belgio intorno al 1440), realizzata per tirare delle palle di pietra di 250 kg (calibro 60 cm) pertanto non fu mai fatta sparare. E' tuttora conservata a Gand.
 

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 07) Rondinella forestiera


RONDINELLA FORESTIERA
(testo : Bruno Trillini - musica : Silvano Staffolani)

Oh rondinella che vieni di là dal mare
tu porti primavera e porti anche l'estate!
Oh rondinella che attraversi il cielo
tu voli...voli via lontano per cercar l'amore vero.
Oh rondinella che vieni di là dal mare
tu porti primavera e porti anche l'estate!
Oh rondinella che con un battito d'ali
mi fai tornare le storie quelle storie già passate.
E poi ti porti via tutto il sole che m'hai dato
e sono ad aspettarti con il tempo ritrovato
e poi ti porti via tutto il sole che m'hai dato
e intanto guardo indietro per cercar quello ch'è andato.
Oh rondinella che vieni d'oltre mare
tu porti la stagione ch'è il tempo dell'amore
Oh rondinella che tu vieni a primavera
tu porti anche l'estate e con l'estate il suo calore!
Oh rondinella che vieni d'oltre mare
tu porti la stagione ch'è il tempo dell'amore
Oh rondinella che se non ti scalda il sole
tu cerchi un'altra terra dove trovi più calore!
Tu ...proprio tu...mi ricordi ogni carezza
tu...proprio tu...porti via la giovinezza
i baci e le passioni del tempo le illusioni
ma il mio cuore non è stanco vuole amore ancora tanto
Tu...proprio tu...che vieni qui a cercarmi
tu...proprio tu...che sai dove trovarmi
mi porti il desiderio di sempre nuovi amori
e il mio cuore non si stanza a cercar quel che gli manca.
Oh rondinella che vieni d'oltre mare
tu porti la stagione ch'è il tempo dell'amore
Oh rondinella che vieni a primavera
tu porti anche l'estate e con l'estate il suo calore

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 06) Formiche


FORMICHE
(testo : Bruno Trillini - musica : Silvano Staffolani)

...rapiti dalla frenesia quotidiana 
sembriamo tante formiche 
a cui sfugge 
il senso del vivere umano...

Formiche a milioni frementi percorrono strade e città
formiche a cercare gli alimenti invadono sogni e realtà.

Formiche rimaste schiacciate dal peso del tempo e d'affanno
formiche per norma rinate a cavie d'un nuovo malanno

Formiche spazzate dal vento disperse in tutti i millenni
formiche dal muto lamento piegate a servizi perenni.

Formiche che lasciano il segno nel corso del loro cammino
formiche che pagano pegno a difesa del proprio destino.

Da un buco del cielo o da faro
da un seme divino o profano
formica che nasci t'è ignaro
il senso del vivere umano.

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 05) Il canto di Ariel


IL CANTO DI ARIEL
(testo William Shakespeare - musica Silvano Staffolani)

estratto dal testo de "La Tempesta" di William Shakespeare, 
scritto per una messa in scena da parte della compagnia "L'allegra Brigata" 
con attori dell'Istituto Lega Del Filo D'Oro.

Venite venite alle sabbie dorate
e poi le mani le mani intrecciate
e dopo un bacio un bacio e un inchino
le onde furiose le onde placate
i leggeri piedi posate e cantate 
o dolci spiriti il ritornello.
Bau bau bau bau bau bau ascoltate
bau bau bau bau abbaiano i cani
bau bau bau bau i cani da guardi
bau bau bau bau adesso che c'è
chiccì richì e sento il gallo
chicchì richì cantare e gridare.
A ben cinque tese sepolto sott'acqua 
giace tuo padre e le sue ossa
son già di corallo occhi di madreperla
tutto di lui deve perire
soffre di un mutamento marino
strano e prezioso è intento a cambiare
ora dopo ora le ninfe del mare 
la campana a morto gli fanno suonare.
Din don din don sentite sentite
din don din don suonate campane
din don din don
din don din don



 eccomi con la bravissima interprete durante le prove

http://www.corriere.it/foto-gallery/salute/disabilita/14_maggio_12/magia-shakespeare-prove-attori-sordo-ciechi-43c8b214-d9b9-11e3-8b8a-dcb35a431922.shtml







...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 04) Calibano (la canzone della libertà)



CALIBANO (la canzone della libertà)

(testo : William Shakespeare - musica : Silvano Staffolani)


estratto dal testo de "La Tempesta" di William Shakespeare, 
scritto per una messa in scena da parte della compagnia "L'allegra Brigata" 
con attori dell'Istituto Lega Del Filo D'Oro.

Addio padrone addio
non farò più chiuse per i pesci
addio padrone addio
non porterò più legna su richiesta
non raschierò più taglieri
non laverò più piatti
ban ban ca ca Caliban
ha un nuovo padrone
ban ban ca ca Caliban
e tu un altro uomo vatti a cercare.
Evviva la libertà
son giorni di festa
evviva la libertà 
son giorni di festa
non raschierò più taglieri,
non laverò più piatti....
 le prove della scena della canzone di Calibano

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 03) Sete di nomi


SETE DI NOMI
(testo e musica - Silvano Staffolani)


"la sera del giovedì santo, dal letto 
della mia mamma, diedi un ultimo sguardo attorno.
L'indomani mattina, venerdì santo, udii l'ultimo grido,
seguito da una sbattuta di porta.
Da allora niente più, fu il buio pesto senza una voce".
 

A a a a a a - a e i o u
ho sete di nomi - ho sete di te.
Immaginati un mondo che ti gira intorno
ma che non parla con te.
Quando comunicare è tanto naturale
quasi quanto respirare
Non esisti - almeno per me
fino a che - il nome tuo dirò
nel palmo della mano
ci incontreremo.
Lo fanno già i bambini 
di far sparire tutto coprendo gli occhi con le mani.
Pensa pensa un modo per far ricomparire
tutto ciò che non vedi.
La materia che si scompone
come la vita che si incontra è un alfabeto,
si tratta solo di provare ad entrare in contatto,
verrano poi le parole.
Non esisti - almeno per me
fino a che - il nome tuo dirò
nel palmo della mano
è dove ci incontriamo. 

Dedicato ad Eugenio Malossi e Sabina Santilli
due spiriti sempre liberi per cui la vita
fu anche e soprattutto la comunicazione
tra le persone abbattendo ogni barriera .
digilander.libero.it/marruvium/sabina_index.htm per una biografia di Sabina Santilli 1917-1999
www.legadelfilodoro.it/sites/default…a_Malossi.pdf per una biografia di Eugenio Malossi 1885-1930

le parole in corsivo sul testo sono tratte da :


i vocalizzi : a e i o u
sono il primo esercizio di riscaldamento della voce
con cui siamo soliti iniziare il laboratorio teatrale
all'interno del gruppo "l'allegra brigata" della
lega del filo d'oro.

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 02) La serenata a Nina


LA SERENATA A NINA 
(testo Bruno Trillini - musica Silvano Staffolani)

...di quando i suonatori venivano accompagnati (pagati) 
sotto la finestra della ragazza da conquistare...

Te l'ho portata la serenata e un po' di soldi io l'ho pagata
ma se finiamo per litigare tutti quei soldi mi dovrai dare.
Ue...ue...la riccia bionda bionda bionda 
ue...ue...la riccia bionda bionda ue
Domani sera quando vie' notte t'aspetto fino a mezzanotte
apri la porta fallo per me che io voglio dormire con te.
Ue...ue...la bella Nina Nina Nina
ue...ue...la bella Nina Nina ue
E...tira tira tira tira l'amore che ci fa forte battere il cuore
e c'è la mamma che gli è vicina vuole l'amore per la sua Nina
Ue...ue...l'amore viene viene viene
ue...ue...l'amore viene e va.
Tu sei la prima non la seconda voglio l'amore di Nina bionda
la Nina bella che aspetta me io voglio stare solo con te.
Ue...ue...ecco il mio sogno sogno sogno
ue...ue...la Nina voglio voglio ue.
Te la riporto la serenata ma questa volta non l'ho pagata
ecco il violino il tamburello con la chitarra e il violoncello
Ue...ue...suona ch'è bello bello bello
ue...ue...il violoncello ello ello ue
Tutte le sere si aspetta notte si fa l'amore fin'a mezzanotte
lei la chitarra io violoncello si fa l'amore l'amor che bello.
Ue...ue...l'amore che bello bello bello
ue...ue...l'amore che bello bello ue
ue...ue...rialla lalla lalla lalla
ue...ue...rialla lalla lalla ue.
 

...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI 01) La festa in purgatorio


LA FESTA IN PURGATORIO
(testo e musica - Silvano Staffolani)



cosa succede quando gli arcangeli decidono di fare festa ?

Piume che volteggiano nell'aria
da qualche parte stasera gli angeli fan baldoria. 
Squillano le trombe lucidate a giudizio
cominciano coi salmi 
poi subentra la rumba! 
Ballando a piedi nudi nell'aria 
cantando a squarciagola… 
Ballando a piedi nudi nell'aria 
cantando a squarciagola…

Michele ha alzato il gomito 
lo senti parlar da solo ma…
non è l’unico 
Gabriele in tutù è per la quinta posizione
Raffaele è al galoppo…
di una tartaruga 
Ballando a piedi nudi nell'aria 
cantando a squarciagola… 
Ballando a piedi nudi nell'aria 
cantando a squarciagola…
I suoni son confusi, 
ne escon di ogni sorta 
tanto che giù di sotto 
si apre la porta 
qualcuno si lamenta 
"MA QUANTO BACCANO 
SALIAMO NOI 
O SCENDETE VOI?" 
Ballando a piedi nudi nell'aria 
cantando a squarciagola… 
Ballando a piedi nudi nell'aria 
cantando a squarciagola…
E’ così che fan festa corna e ali ali e corna …
E’ così che fan festa corna e ali ali e corna …


...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI - LA COPERTINA (fronte)


...DI PAESI, PERSONE E ANIMALI - LA COPERTINA (retro)




CARTOLINE D'AUTORE 10) La strada


LA STRADA
(testo e musica - Silvano Staffolani)


Muta la strada in palcoscenico
il piattino a terra presto risuonerà
e se una mano strattona un giacca blu
un fiore appare ed il broncio se ne va
Spuntano monili d'argento dai capelli e dietro le orecchie
mentre un arcobaleno nasce e muore da una tasca
C'è un cilindro che fondo non ha
e se cadi giù chi ti salverà
e banalmente inciampa un passante
distratto dal volo di due colombe
Le parole al vento e le serenate di maggio
vola in aria una moneta rimbalza testa a terra
C'è una ragione che tiene ferme le lunghe gambe
del trampoliere
sa che dietro il trucco della statua umana si nasconde
e batte un cuore contagioso
... e da lassù....quant'è bello da lassù...
Gonfia palloncini un cagnolino a coda corta
lo regala ad un bambino sgrana gli occhi e corre via
girano adirati tre birilli senza toccarsi
mentre tutto intorno scompare un mondo intero.
Prende a salire una corda ribelle
l'incanta un flauto
si muove anche la statua
impugna la cima
già non tocca più terra
all'orecchio gli sussurra
....andiamo via








CARTOLINE D'AUTORE 09) Ah Silva' e famme gira'


AH SILVA' E FAMME GIRA' 
(testo e musica - Silvano Staffolani)


...e c'era sempre questa cosa che mi diceva "Silva', famme gira' " perché ci divertivamo, ballando, a girare veloci sulle note di certi brani ed allora ho pensato…


per Sonia Ventura

Sognare sognare di essere lieve 
e tornare a volare 
dove non può più fare del male 
neanche cadere,
una nuova avventura e non vedi l'ora 
di sentire infine scorrerti dentro la libertà,
si può afferrare il senso compiuto 
di alcune parole anche quando 
non senti il bisogno di dirle,
è una carezza o è solo uno sguardo 
he ti avvolge e ti scalda 
come una coperta in inverno.
Sogna e avventurati - sogna e avventurati
sogna e avventurati senza mai rinunciare.
Dammi una mano, fammi sentire, 
portami in giro fammi vedere 
ho un sorriso da dimenticare,
non senti non vedi non parli con credi - 
non senti non vedi non parli non credi 
che puoi imparare,
e quel che rimane è la tua promessa 
"sarò sempre presente" 
e allora perché continui a mancarmi?
e fattelo dire che potevi aspettare che 

ancora mi pare di poterti invitare 
e tu a chiedere di girare


Sogna e avventurati - sogna e avventurati
sogna e avventurati senza mai rinunciare.
"a Silva'...e famme girà"...

CARTOLINE D'AUTORE 08) All'enoteca


ALL'ENOTECA
(testo Bruno Trillini - musica Silvano Staffolani)

Iersera semmo gidi all’enoteca , insieme a me ce stava anche Maria,
M’è parso de bocca’ ‘nte a biblioteca : me ce porto’ nao’ a maestra mia !!!
Con tanti cumprimenti che se spreca saluti ,cerimonie e cuscì via,
A luce ch’era poca e mezza ceca, Marì sta’ attenti a ‘ndo che metti i pia !!
C’era ste sedie tutte impajicciade, che te ciaccava a schina...a non di’ peggio ,
E sulle taole mango ‘impiallade , mezzo bichiè de vi’ e un po’ de formaggio !!!
Li’ sopre non cia messo mango a spara, na’ coppia de bicchie’ fatti a piantana
C’era ‘na carta gialla e ‘na cucchiara na sarvietta piegata tutta strana!!!
La fetta de salame.. tralucia, co’ lo pa’ moscio che non paria cottu,
Non era mejio quanno all’osteria pijai un fiascu de vi’ co lu prisciuttu ????
A me lo vi’ no’ ma mollado u becco, no’ m’è bastado mango lu salame ,
So’ stadu sempre co’ u paladu a secco, finisce che vo' a casa co' la fame !!!!
Jo ditto de portamme ‘na buttija , m’ha messo sotto l’occhi ‘na gran lista
E con Mari’ s’è ditto : che se pija ?? ...E se a buttija je s’è fatta trista !!!
Pe’no’ sbajia’ pijemmo lo verdicchio sapemmo che a buttija l’è de vitro
Non e’ che vulio esse tanto tirchio ma quella li’ non era mango un litro !!!
Oh.. cazzo quanto costa ‘sta buttija, c’è pure l’ua mia che ho consegnado
Per poco che non casco gio’ da’ a seija eppo so’ vi’ l’è tutto medicado !!
Tanto sopre a nuà tutti ce magna, me paga l’ua a gradi che ha arzado,
Te la mette salada ‘na buttija, quanto su a vigna eppo’ ciò fadigado !!!
Ho ditto : Mari’ è meijo sta li casa  magnemmo lu prisciuttu e lu salame
Sapemmo che lu porcu è de li’ casa quanno gemmo a durmi’ non cemmo fame!!!
E de sicuro semmo più satulli , o vi’ laggio’ a cantina è quello bono
E se capitera’ d’esse un po’ mulli  gemmo a dormi’ contenti.. e io te sono !!!
E de sicuro semmo più satulli o vi’ laggiò a cantina e de a ‘chiaetta 

E se capitera’ d’esse un po’ mulli gemmo a durmi’ e facemmo ‘na .. scopetta !!

CARTOLINE D'AUTORE 07) Il guardiano notturno al deposito dei sogni


IL GUARDIANO NOTTURNO AL DEPOSITO DEI SOGNI
(testo e musica Silvano Staffolani)

Ora, a chi ha voglia e tempo di ascoltare
racconterò la storia antica di un segreto mestiere
di cui si è quasi persa memoria:
tanti ma tanti anni fa lontano veramente lontano,
accadeva che tutti vivessero senza mai sognare,
impegnati ognuno con la propria vita fatta di giornate
piene di fretta e pensieri,
dove i problemi si potevano scambiare
come i saluti del buongiorno
ed i guai venivano distribuiti
come le belle giornate estive,
ce n’era per tutti e a volontà,
i bambini avevano smesso di giocare
e gli adulti di amoreggiare,
si studiava la praticità e si pregava il disincanto;
il tempo si impiegava e non lo si viveva,
le ore fruttavano anziché scorrere
così anche gli anni venivano messi in bilancio
e a nessuno più interessava farli passare.
Una bella mattina, così a cielo sereno
ecco che a qualcuno, senza alcun preavviso...
un dubbio s’insinua prepotentemente nella testa,
d’improvviso come un’urgenza che
non puoi non considerare,
e prese ad immaginare, dubitare ed immaginare
da mattina fino a sera,
e ci pensava ancora prima di dormire
fino a che arrivò il primo sogno che la mattina,
ancora strabiliato,
si affrettò a raccontare a tutti
e anche gli altri presero a dubitare,
immaginare e sognare,
allora decisero di eleggere
il guardiano notturno del deposito dei sogni
che si preoccupa che non vadano mai smarriti
e che presta attenzione a chi ne fa richiesta
inviando a ciascuno il suo, proprio perché
nessuno rimanga mai più
senza.
Chiamalo se vuoi come fare sai
lui ti porterà un sogno a destino
Chiamalo se vuoi come fare sai
lui ti porterà un sogno a destino.


video con la colonna sonora de "il guardiano notturno al deposito dei sogni"

CARTOLINE D'AUTORE 06) E tu...che fiore vorresti essere?


vieni, ti porto al cinema.
Stasera danno Harold & Maude, sì proprio quel vecchio film del 1971, come non l'hai mai visto? E allora bisogna recuperare.

"Che spasso! Suoniamo qualcosa insieme."
" Non so suonare niente."
"Niente ?! Dio mio! Tutti dovrebbero saper suonare qualcosa."


E TU...CHE FIORE VORRESTI ESSERE?
(musica Silvano Staffolani)  

Io mi vorrei trasformare in un girasole più che in ogni altra cosa, sono cosi’ alti e cosi’ semplici. Tu che fiore vorresti essere?

Non lo so. Una di queste margherite per esempio.. 

E perchè?

Perchè sono tutte uguali.

Ah, lo dici tu. Guarda; certe sono più piccole, certe sono più grosse, certe pendono a sinistra, certe a destra, certe sono bruttine perchè hanno perduto i petali.. Sono una diversa dall’altra e si vede benissimo. Sai Harold, secondo me gran parte delle brutture di questo mondo viene dal fatto che della gente che è diversa permette che altra gente la consideri uguale..

CARTOLINE D'AUTORE 05) Sei persa


una forte presenza di cui si avverte lo smarrimento e che da lì a poco la porterà a perdersi, ed è inutile rincorrerla, chiamarla o cercarla; se n'è andata.
Il dubbio che non sia mai esistita ma che per bisogno sia stata creata è forte, come forte è il desiderio di ritrovarla.
 
SEI PERSA
(testo di Bruno Trillini - musica Silvano Staffolani)

sei persa...
sei persa in mezzo ad un luccichio di stelle
sei bella...
sei bella e splendi insieme a tutte quelle
ti vedo...
ti vedo ma tu cadi giù nel mare
ti cerco...
ti cerco e non ti riesco più a trovare
la voce...
la voce sbalza via sopra le onde
ti chiamo...
ti chiamo ma nessuno mi risponde
un vuoto...
un vuoto solamente che m'inghiotte
son solo...
son solo e nel buio della notte
mi manchi...
mi manchi come se tu fossi Dio
non c'eri...
non c'eri ma t'avrei inventata io