domenica 2 ottobre 2016


Si trova a Recanati (MC) - in Piazzale Patrizi, pieno centro storico, di fronte al Teatro Persiani, ed è una libreria veramente particolare. Già il "Libreria Caffé" a cui si fa riferimento nel logo lascia intendere che non è "solo" una libreria. In tutti i modi venerdì 30 settembre ci sono stato in compagnia di Tullio Bugari, io con la mia chitarra e organetto diatonico per accompagnare le sue letture dal libro "L'erba dagli zoccoli" che stiamo portando in giro un po' ovunque in luoghi e locali di ogni sorta. Che questo però fosse un posto speciale lo si capisce ancor prima di entrarci con la scalinata di ingresso che ti invita a scendere giù, in basso e subito noti i libri che sono sparsi un po' ovunque, pronti anch'essi a invitarti a scoprire. Ad accoglierti la simpatia e il bel sorriso di Beatrice e Francesca le proprietarie del locale ma anche le "arredatrici" che hanno pensato prima e si sono occupate poi (realizzandolo anche materialmente) di buona parte di quanto si può vedere nel locale, perché a colpirti innanzitutto è il buon gusto e l'equilibrio con cui tutto sembra disposto "casualmente" al posto giusto. Dove cominciare a guardare? Il bancone del bar? O meglio gironzolare prima per le stanze per rendersi conto dei vari ambienti...o iniziare subito a leggere i titoli e autori dei libri lasciandosi subito incuriosire da quelli non conosciuti? 
Ci sono anche quelli già conosciuti, o quelli in edizioni ormai fuori commercio (sì, ci sono libri nuovi e usati per cui è possibile trovare anche qualcosa ormai fuori catalogo, pezzi "unici" non reperibili così facilmente altrove) e alcuni cartelli ti segnalano pure l'argomento, nel caso ci si smarrisca tra gli scaffali. 


Noi ci siamo sistemati nella sala / salotto più grande, con accanto un pianoforte e una chitarra appoggiata al muro, perché è giusto che le parole stampate abbiano quanto più vicino possibile gli strumenti che producono musica, le parole e il suono quando viaggiano insieme si fanno (e tengono) ottima compagnia.  




Abbiamo trovato un pubblico molto attento che alla fine della presentazione ha rivolto diverse domande sia a Tullio che a me, con commenti vari e opportuni sul senso di quanto avevano ascoltato. 
A volte alcuni luoghi hanno la capacità di farti sentire a casa, anche se li hai appena scoperti; forse perché, come le case, sono il risultato delle persone che dentro ci vivono. Dentro il Passepartout ci si sente a casa e non è davvero cosa di poco conto. 
Ve l'ho già detto che hanno anche dei buonissimi vini da sorseggiare mentre si è in giro alla ricerca del libro con cui si ha un appuntamento? E quanto si ha un appuntamento non bisognerebbe mai fare tardi ma anzi affrettarsi un po' per giungere un po' in anticipo. Suvvia venitemi dietro che vi accompagno, poi prendete posto che iniziamo.  Nel video in fondo alla pagina troverete una piccola parte della serata, i pezzi che ho eseguito sono : "PIEROSARA" "SU ALZATI MARIA" "MARGOT"
Grazie Beatrice - Grazie Francesca ! Andate a fare un giro sulla loro pagina facebook per rimanere in contatto con loro e prendere nota dei prossimi appuntamenti al Passepartout : Pagina Facebook della libreria